ARTE e CULTURA


Iper realismo di cartone
Nato in UK nel 1973, Chris Gilmour ha studiato all’University of the West of England prima di trasferirsi in Italia nel 1996. Scultore, impegnato anche nel sociale con progetti educativi rivolti a bambini e adulti, lavora fondamentalmente con cartone ondulato e colla, creando opere a grandezza naturale, caratterizzate dal realismo estremo.
Con molte mostre personali e collettive all’attivo in Europa e America, nel 2006 ha vinto il Premio Cairo riservato a giovani artisti e nel 2012 il Premio Michetti.


Raffaella Formenti: «Volevo solo scrivere e viaggiare nei luoghi delle parole, ma anche le mani hanno preteso il loro spazio d’azione, impuntandosi a piegare i contenuti della comunicazione in cromie invasive e spunti di legame tra il cartaceo e l’informatica. Come in un QR Code, la “spiegazione” è sempre nello scatto che segue, nella piega ancora da indagare».

 


Fino a che punto le forme, un determinato packaging, cromie e font possono modificare la percezione di un prodotto?
L’artista americano Dan Methm ha provato a dare risposte a queste domanda, “re-impacchettando” alcuni degli snack molto diffusi negli USA, così da farli sembrare più cool e raffinati, dedicati insomma a un target ben più alto di quello reale. Il confronto tra il prima e il dopo è eloquente. (Fonte: darlin.it)

 


arte-e-cultura_Earth-Developing-More-Roots

Il 16 maggio scorso è stata battuta all’asta da Sotheby’s per 945,000 USD l’opera dell’artista ganese El Anatsui Earth Developing More Roots, composta con tappi riciclati di alluminio e filo di rame.