Kimbo Linea Moka: più informazioni sul pack

Italiani esperti di caffè? Non sembra del tutto vero, come emerge da una ricerca promossa da Kimbo* sui consumatori italiani con approfondimenti sui packaging dei diversi brand di caffè. Lo studio fotografa infatti un segmento dominato da una certa staticità e dalla eccessiva uniformità nel linguaggio, che non offre informazioni chiare sul prodotto e sulle sue caratteristiche organolettiche.

Proprio per colmare questa lacuna, Kimbo ha rivisitato la veste grafica dei suoi 9 blend nei diversi formati disponibili, con l’obiettivo di offrire al cliente informazioni più dettagliate, aiutandolo a orientarsi tra le tante miscele disponibili e a trovare quella più vicina ai propri gusti e preferenze. Il nuovo progetto, studiato in collaborazione con l’agenzia di design Goodmind- Gruppo Pininfarina, include anche qualche consiglio circa il modo migliore di assaporare il caffè, servirlo e conservarlo.

* Ricerca condotta da Gfk su un panel di 110 consumatori a Milano, Padova, Roma e Napoli.

Rendere visibile l’invisibile

Nuceria Group è stata coinvolta nel progetto di restyling della linea di passate di pomodoro Petti, con l’obiettivo di trasmettere al consumatore finale l’eccellenza di un prodotto Made in Italy e i valori che distinguono da sempre la  storica azienda di conserve alimentari: qualità delle materie prime selezionate, attenzione green, varietà dell’offerta e cura del packaging.
Questi asset “intangibili” sono stati dunque interpretati al meglio da Nuceria, che ha puntato sulla massima trasparenza di una bottiglia personalizzata e di un’etichetta “no label look” per mostrare il prodotto nella sua interezza (“il pomodoro è al centro” recita non a caso il claim sulle confezioni). Senza nascondere nulla, quindi, Petti è riuscita a costruire uno schietto rapporto di fiducia con il consumatore, destinatario di una comunicazione chiara ed efficace, che minimizza i rischi di interpretazioni erronee.

Grazie alla scelta del no label look e alla presenza di lamine particolari che rendono il packaging elegante e attraente, il prodotto ha naturalmente acquisito un posizionamento premium.
Da sottolineare, infine, l’efficacia delle prestazioni in fase di confezionamento, in particolare la velocità di applicazione delle etichette e la riduzione dei fermi macchina, nonché il saving sui costi di produzione e i vantaggi, sia in termini di riciclabilità che di efficienza, derivanti dall’impiego del liner in PET in sostituzione della carta siliconata.